A volte sono i posti più inaspettati a colpirti di più… Da TRINIDAD a PLAYA PILAR scoprendo SANCTI SPIRITUS

8° GIORNO
TRINIDAD – SANCTI SPIRITUS – MORON

È arrivato anche il momento di lasciare il gioiellino di tutta Cuba e si sa, i saluti soprattutto quando si tratta di luoghi che non sai se visiterai ancora, creano sempre una forte malinconia…

Ci concediamo l’ultima mezza giornata a Trinidad passeggiando per le vie colorate di questa splendida cittadina, alla ricerca di qualche regalo per le persone a noi care nel mercatino del centro. Una piccola parentesi per rivelarvi quest’aneddoto: prima di partire, una volta decisa la metà abbiamo iniziato a risparmiare mettendo da parte i soldi che avanzavano dalle nostre cene in compagnia. Una volta aperto il salvadanaio, con le monetine abbiamo deciso di acquistare alcuni quaderni colori e matite, da portare in una delle scuole di Trinidad.

Così durante la nostra ultima mattinata siamo andati alla ricerca di una scuola : è stato davvero emozionante consegnare alla maestra i quaderni di colori per i bambini ed osservare quanto modeste siano le loro strutture scolastiche, nonostante questo abbiamo visto bambini sorridenti e felici.

20170324_100200

Non vorrei più lasciare questa pittoresca cittadina e non smetto di scattare fotografie…pure i sassi meritano uno scatto!

Purtroppo la tabella di marcia ci chiama, così per pranzo ci fermiamo per una breve tappa a Sancti Spiritus, la capitale dell’omonima provincia.
Il cuore del centro è Parque Sérafin Sanchez, la piazza centrale circondata da edifici neo classici, numerosi bar e ristoranti che danno il benvenuto ai visitatori. Qui si trovano la biblioteca provinciale Ruben Martinez Vilena e il Museo de Historia Natural.

Dopo aver consumato il nostro pranzo a base  di gamberetti, pollo e riso presso il ristorante Central Park, ci addentriamo nel boulevard pedonale che parte da questa piazza e continuamo passeggiando alla ricerca del Puente Yayabo nominato monumento storico nazionale poiché unico in tutta Cuba.

Il colore acceso delle panchine verde intenso appena verniciate, edifici azzurro e rosa pastello, i bordi bianchi che contrastano con il blu.. A volte sono i posti inseriti un po all’ultimo per caso nel tour, i più inaspettati a colpirti di più, forse perché su di loro non avevi nessun tipo di aspettativa.

Ci rimettiamo al volante in direzione Moron ed ancora siamo inconsapevoli di cosa ci aspetta [ link info tecniche]
Arriviamo in serata giusto il tempo di farti preparare il nostro splendido piccolo villaggio all’interno della città.
Le 2 cittadine di Moron e Remedios saranno l’appoggio che abbiamo scelto per visitare rispettivamente Cayo Guillermo e Cayo Santa Maria. Non sono vicinissime, ma era l’unico modo per non alloggiare nei resort presenti nelle isole e continuare la nostra esperienza nelle case particolares.
All’indomani ci attende la scoperta di Playa Pilar.

9° GIORNO

PLAYA PILAR

A separare Moron da Playa Pilar ci sono 99  km di cui 17 di strada sul mare che attraversa la Bahia de Perros, percorrendoli si può godere di una fantastica vista.

Playa Pilar si trova sull’estrema punta occidentale di Cayo Guillermo.

Cayo Guillermo e Cayo Coco sono un importante riserva naturale di uccelli marini. Se sarai un attento osservatore, potrai ammirare deliziosi fenicotteri rosa che animeranno elegantemente lo scenario.

Cayo Guillermo è parte dello splendido arcipelago di “Jardines del Rey” ed è grande 13 km. Questo è il luogo magico amato e vissuto da Hemingway: fu proprio lo scrittore a dare il via alla ‘promozione turistica’ di Guillermo, descrivendolo in modo entusiasmante nel suo romanzo “Isole nella corrente”.
Playa Pilar è nota per le sue dune sabbiose, tra le più alte di tutti i  i Caraibi, dicono sia una delle spiagge più belle di tutta Cuba e noi l’abbiamo scelta proprio per questo.
Per arrivarci dopo aver parcheggiato l’auto si passa accanto al ristorante della spiaggia e dopo aver percorso una breve passerella, i nostri occhi vengono invasi da un’acqua di un verde super intenso in contrasto con l’azzurro del cielo, una sublime striscia di sabbia bianca ci separa dall’acqua…


La giornata non è delle migliori, tanto vento e molte nuvole disturbano un po’ il panorama, ma non rovinano quella che è la nostra giornata fatta di sole passeggiate all’aria aperta e relax assoluto, in un’atmosfera di tranquillità e di pace.
Anche questo luogo incantevole di Cuba non annulla la magia e non delude le nostre aspettative… e di fronte ad un mare così, anche la felicità è una cosa semplice…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...